Saria Convertino

Bayan Piano project

Saria & Andrea (10)

La fisarmonica è sempre stata ritenuta uno strumento della tradizione popolare.

Oggi il Bayan, fisarmonica classica, si differenzia per le sue potenzialità strumentali e la conseguente possibilità di elevarsi a strumento nobile, affiancandosi al pianoforte quale raccoglitore esaustivo dei più disparati organici strumentali attraverso la pratica della riduzione.

Dal desiderio di incontro di due voci distanti – vibrante e materico il Bayan, liquido il pianoforte – nasce “Bayan Piano Project”, una “promenade” nel repertorio orchestrale che viene di volta in volta rimodellato e distribuito nei due colori strumentali, dalla cui attenta commistione nasce un nuovo sposalizio timbrico.

Il programma musicale muove i passi dal Concerto di Bach in La minore, in cui il bayan prende le veci del violino e del basso continuo: due sole linee ad esso affidate, come in un distillato timbrico, un filo d’acqua che muove dalla sorgente della tradizione per sfociare negli echi mediterranei del concerto di Galliano, bacino che raccoglie la duplice natura classica e popolare dello strumento.

Tinte esotiche affrescano la galleria musicale, tra momenti di danza e confessioni amorose.

Programma

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Concerto per violino e orchestra in La min. BWV 1041

Allegro moderato
Andante
Allegro assai

Richard Galliano (1950)
Opale Concerto
II movimento (Moderato)

Manuel de Falla (1876-1946)
El Amor Brujo

Romance del Pescador
Pantomima
Danza ritual del Fuego

Rimsky Korsakov (1844-1908)
Temi da “Scheherazade”
(Elaborazione e trascrizione a cura di Andrea Ceraso)

Edvard Elgar (1857-1934)
Salut d’Amour

Arturo Marquez (1950)
Danzon n. 2

 

Approfondimenti:
Curriculum Saria Convertino
Curriculum Andrea Ceraso